Il Presidente Nando Marino: “La rabbia è tanta ma alla fine gli errori si pagano. Ora stateci vicino perché riparteremo”

Questo articolo ha avuto 2759 visualizzazioni

Le parole del Presidente Nando Marino nell’immediato partita di Umana Reyer Venezia-Enel Brindisi:

“Non era oggi che dovevamo fare e vincere la partita. Venezia doveva onorare il campo e la fine della regular season davanti al proprio pubblico. Siamo stati ingenui, sfortunati, abbiamo commesso diversi errori ma fatto anche cose altrettanto belle. Diciamo che se ad inizio stagione ci avessero detto che avremmo raggiunto una tranquilla salvezza a 6 giornate dalla fine del campionato, che avremmo raggiunto le Final Eight e che avremmo lottato fino alla fine per entrare nei playoff avremmo subito firmato. È chiaro che fa rabbia e fa male essere fuori dalla griglia playoff perché siamo stati più o meno sempre lì ma probabilmente se lo meritava di più Capo d’Orlando che ha fatto una grande stagione con un bel progetto e che ha avuto anche il coraggio di rinunciare al suo miglior giocatore a metà stagione. Noi avremmo dovuto sfruttare le occasioni che il calendario ci offriva come la partita in casa contro Pesaro, la trasferta di Caserta e per non ricordare tutte quelle partite perse punto a punto per un soffio a partire dalla sciagurata trasferta di Varese. Ora dobbiamo ritrovarci e parlare perché il progetto Brindisi non può finire con questa brutta, sonora e meritata sconfitta. Dobbiamo fare mente locale ma ora non fatemi dire altro perché la delusione è tanta. Ringrazio tutti i tifosi, quelli veri, che ci sono stati vicini e non provano invidia per questo progetto. Dico ai gufi, che purtroppo ne abbiamo tanti, di festeggiare stasera ma Brindisi andrà avanti perché ha un patrimonio da difendere che è il basket e che fa parlare bene di noi a livello nazionale ed internazionale. Dateci qualche giorno e ripartitermo più forti perché abbiamo un impegno con la città e con i nostri tifosi. Abbiamo sprecato tante occasioni e alla fine purtroppo alla lunga si paga l’inesperienza, la non capacità di saper cogliere l’attimo e la non voglia di cambiare l’inerzia del proprio lavoro e della propria storia. Ai tifosi dico “stateci vicini” perché andremo avanti. Forza Brindisi”

Commenti

commenta

Andrea Romano
About Andrea Romano 2123 Articles
Brindisino, classe 1990. Dal 1° Dicembre 2013 cerco di raccontare al meglio tutto ciò che riguarda la New Basket Brindisi. Da Giugno 2015 inoltre collaboro con Basketnet.it. mentre da Giugno 2016 anche con SuperBasket. Dall'Aprile 2014 al Febbraio 2015 invece ho collaborato con BasketUniverso.it.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*