Game Preview: EA7 Emporio Armani Milano-Happy Casa Brindisi

Questo articolo ha avuto 731 visualizzazioni

Quarta giornata in Serie A e primo appuntamento pomeridiano per la Happy Casa Brindisi. Gli uomini di coach Sandro Dell’Agnello saranno impegnati al Mediolanum Forum contro l’EA7 Emporio Armani Milano.
I padroni di casa arrivano all’appuntamento con il punteggio pieno in campionato (3 vittorie su 3) ma reduci dalla sconfitta all’overtime in casa contro il Fenerbache in EuroLega mentre i bianco-azzurri sono alla ricerca del primo successo stagionale su un campo, però, mai violato.
Sono 24 i precedenti in Serie A tra le due compagini e il bilancio è di 20-4 a favore delle scarpette rosse mentre a Milano, come detto, il bilancio è nettamente a favore dei padroni di casa: 10-0.
Palla a 2 domenica 22 Ottobre alle ore 18:15 con diretta streaming su EuroSport Player.

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO –  1° in classifica con 6 punti (3V e 0S) 

Ennesima rivoluzione in casa Olimpia Milano per cercare di ottenere risultati importanti in Italia ma soprattutto in Europa dopo la deludente EuroLega disputata la passata stagione.
Sul legno milanese è arrivato coach Simone Pianigiani che nella passata stagione, dopo l’esperienza da CT dell’Italia, ha vinto il titolo in Israele con l’Hapoel Gerusalemme (anche l’ex brindisino Dyson presente in squadra) e che nel Bel Paese ha vinto 6 scudetti, 4 Coppe Italia e 5 Supercoppe Italiane sulla panchina della Mens Sana Siena. Ad affiancarlo il vice-coach Massimo Cancellieri (spesso accostato a Brindisi) e gli assistenti Mario Fioretti e Marco Esposito, quest’ultimo ritornato in casa Olimpia dopo i 3 anni trascorsi sulla panchina della sua città natale.
La stagione di Milano è iniziata con il successo della Supercoppa Italiana su Venezia ed in campionato per ora il cammino è immacolato: 3 vittorie su 3 (Cremona, Varese e Capo d’Orlando). In EuroLega invece, dopo 2 giornate, la casella punti e ferma a quota 0 punti ma le scarpette rosse hanno saputo giocarsela contro le corazzate CSKA Mosca e Fenerbache, quest’ultima affrontata giovedì scorso (86-92 dopo un overtime).
Ma non è cambiata solo la guida tecnica ma anche il roster della squadra bianco-rossa, quest’anno, lungo come non mai: sono 17 i giocatori ha disposizione di Pianigiani che ruotano tra campo e tribuna in base alle esigenze e l’impegni della squadra. Sono rimasti a Milano, dalla passata stagione, il capitano Andrea Cinciarini (0.7 punti e 1 rimbalzo di media), l’ala Dada Pascolo, il play Mantas Kalnietis, l’ala Simone Fontecchio (1.5 punti e 0.5 rimbalzi), la guardia Zoran Dragic, l’ala Awudu Abass (0 punti, 1 rimbalzo 1.5 assist) e il centro Kaleb Tarczewski.
Gli arrivi portano il nome del play di passaporto macedone Jordan Theodore (14 punti, 3.3 rimbalzi e 4.3 assist), MVP della passata stagione della Basketball Champions League con il Banvit e MVP della scorsa Supercoppa Italiana, della guardia Andrew Goudelock (16 punti, 4.7 rimbalzi e 1.3 assist), giocatore che vanta esperienze in NBA con i LA Lakers e Houston Rockets ed MVP dell’EuroCup 2013/14 con la maglia del Kazan, del pivot Patric Young, attualmente fermo ai box e proveniente dall’Olympiacos con cui ha vinto un titolo, dell’ala ex Brindisi Amath M’Baye (6.3 punti, 4.3 rimbalzi e 0.7 assist), rivelazione della passata stagione in Serie A, dell’ala/centro Cory Jefferson (1.3 punti e 2.3 rimbalzi), che prima di Milano si è diviso tra NBA (Nets e Suns) e D-League, dell’ala serba Vladimir Micov (10.7 punti, 1.7 rimbalzi e 1 assist), giocatore esperto e che vanta 11 titoli nelle sue precedenti esperienze, della guardia lettone Dairis Bertāns (8.3 punti, 1.7 rimbalzi e 0.7 assist), proveniente dal Darussafaka dopo i 4 titoli in patria, del centro lituano Artūras Gudaitis (11.3 punti e 10 rimbalzi), tra i migliori giovani centri in Europa, del centro Italiano Marco Cusin (3 punti e 2.3 rimbalzi), arrivato dalla Scandone Avellino e dalla giovanissima guardia/ala Andrea La Torre, ritornato alla casa madre dopo l’esperienza in A2 con Treviso.
Lo starting five dell’Olimpia sarà composto da Theodore, Goudelock, Micov, M’Baye e Cusin mentre saranno out Young, Dragic e Pascolo per infortunio (quest’ultimo comunque presente in panchina) e Kalnietis e Tarczwski per il turnover.
Coach Simone Pianigiani presenta così la sfida contro la Happy Casa:  disponibili a breve

Roster: 0 Goudelock, 5 Micov, 7 Pascolo, 9 Kalnietis, 10 La Torre, 12 Dragic, 13 Fontecchio, 15 Terzcewski, 20 Cinciarini, 22 Cusin, 23 Abass, 24 M’Baye, 25 Theodore, 28 Young, 34 Jefferson, 45 Bertans, 77 Gudaitis. Coach: Simone Pianigiani

HAPPY CASA BRINDISI  14° in classifica con 0 punti (0V e 3S) 

Mai da quando è in Serie A la NBB aveva iniziato il campionato con un bilancio negativo 3 sconfitte consecutive dopo altrettante gare. Gli uomini di coach Sandro Dell’Agnello sono quindi chiamati all’impresa anche se dal Mediolanum Forum Brindisi non è mai uscita con i 2 punti in tasca. Il rischio quindi è quello di allungare la serie negativa a 0-4. Nell’ultimo turno però la squadra bianco-azzurra ha dato segnali importanti in fase offensiva e difensiva e per oltre 39 minuti ha condotto la gara contro i campioni d’Italia in carica della Reyer Venezia. E’ stato però proprio un errore difensivo (mancata chiamata del cambio uomo tra Barber e Tepic) a condannare la Happy Casa alla terza sconfitta consecutiva. Il momento quindi è delicato perchè Brindisi dopo 3 turni è ferma ancora a quota 0 punti ma la prova contro Venezia dovrebbe aver dato qualche certezza in più alla squadra. Intanto però la società inizia a guardarsi sul mercato perchè sino ad ora Obie Oleka (2.0 punti e 2.3 rimbalzi di media) non ha convinto. Il lungo nigeriano ha avuto un impatto sul campionato italiano nullo e sembra sempre più vicino al taglio e per questo il GM Giuliani monitora il mercato dei lunghi (clicca qui). Chi ha dato una risposta per lo meno positiva è stato Scott Suggs (8.7 punti e 3.3 rimbalzi) che per ora allontana le voci di un possibile taglio: in difesa dello swingman è sceso anche lo stesso GM dichiarando che la società si aspettava questo ruolo dall’ex Manresa. Contro Venezia si è vista anche finalmente la classe e l’intelligenza di Milenko Tepic (7.3 punti, 3.0 rimbalzi e 0.7 assist), dopo 2 prove assolutamente non degne di nota. Chi invece deve ancora esplodere e Brian Randle (5.3 punti, 3.7 rimbalzi, 1 assist). L’ala americana, partita in quintetto nelle ultime 2 gare, è stato spesso condizionato dai falli ma difensivamente sta dimostrando parte del suo talento mentre in attacco è pressochè ancora nullo. Coach Dell’Agnello dovrebbe riproporre lo stesso quintetto visto contro Venezia, ovvero quello composto da: Anthony Barber (15.7 punti, 3 assist e 0.7 rimbalzi), che nonostante la sua agilità risulta ancora molto dannoso e poco efficace nei momenti clou della gara, Blaz Mesicek (5.7 punti, 2.3 rimbalzi e 2.3 assist), sempre più protagonista e pedina fondamentale di questa squadra (convocato anche in nazionale), Milenko Tepic, Brian Randle e il pivot Cady Lalanne (10 punti, 13 rimbalzi e 1.3 assist), miglior rimbalzista del campionato ma che deve mostrare ancora quella cattiveria e concretezza sotto il ferro. In panchina pronti Scott Suggs, il capitano Marco Cardillo (3 punti, 1.3 rimbalzi e 1 assist), Marco Giuri (15 punti, 2.3 rimbalzi e 3 assist), convocato dal Meo Sacchetti in nazionale dopo il brillante inizio di campionato, Obie Oleka, Matteo Canevesi e Georgi Sirakov. Daniel Donzelli non sarà ancora disponibile ma questa settimana ha iniziato il lavoro con il preparatore atletico Sist e dalla prossima dovrebbe rientrare in gruppo.
Brindisi è chiamata all’impresa anche se al momento è la 6° peggior squadra per punti concessi agli avversari (77.3 di media) e le percentuali al tiro sono a dir poco imbarazzanti: 43.8% da 2 (ultima in Serie A) e 52.8% dalla lunetta (ultima in Serie A). Bene invece le percentuali al tiro pesante: 36.4% da 3 (4° in Serie A)

Clicca qui per parole di coach Massimo Maffezzoli a presentazione del match.

Roster: 2 Suggs, 3 Barber, 4 Tepic, 5 Oleka, 7 Mesicek, 9 Cardillo, 10 Sirakov, 15 Donzelli, 19 Canavesi, 21 Giuri, 25 Lalanne, 95 Randle. Coach: Sandro Dell’Agnello

STARTING FIVE *
Milano: Theodore, Goudelock, Micov, M’Baye, Cusin.
Brindisi: Barber, Mesicek, Tepic, Randle, Lalanne.

*probabili quintetti iniziali

ARBITRI
Michele ROSSI, Gabriele BETTINI, Alessandro PERCIAVALLE.

PRECEDENTI
– Precedenti Totali: 24, 20-4 il bilancio a favore di Milano
– Precedenti a Milano: 10, 10-0 il bilancio a favore di Milano
– Ultimo precedente a Milano: 99-86, 18/12/2016
– Precedenti coach: 1, 1-0 per Pianigiani (25/03/07, Livorno-Siena: 83-111)

STATISTICHE & CURIOSITA’
– Cady Lalanne 1° rimbalzista della Serie A (13 di media), Artūras Gudaitis 5° (10 di media)
– Artūras Gudaitis 4° in Serie A per valutazione (20 di media), Cady Lalanne 11° (16.7)
– Milano e Brindisi 12esime in classifica per punti prodotti: 72.7 punti a partita per entrambe
– Andrew Goudelock 7° marcatore della Serie A (16 di media), Marco Giuri 12° (15)
– Milano miglior difesa del campionato (65 punti di media concessi agli avversari), Brindisi 11° (77.3 punti di media)
Ex: M’Baye e coach Esposito (Milano)

LIVE
Diretta Streaming: EuroSport Player
Diretta Radiofonica: Ciccio Riccio (91.6 mhz)

Commenti

commenta

Andrea Romano
About Andrea Romano 2123 Articles
Brindisino, classe 1990. Dal 1° Dicembre 2013 cerco di raccontare al meglio tutto ciò che riguarda la New Basket Brindisi. Da Giugno 2015 inoltre collaboro con Basketnet.it. mentre da Giugno 2016 anche con SuperBasket. Dall'Aprile 2014 al Febbraio 2015 invece ho collaborato con BasketUniverso.it.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*