Coach Sandro Dell’Agnello: “Fatto il nostro per 20 minuti poi quando Milano ha alzato il ritmo la squadra è andata in bambola”

Questo articolo ha avuto 463 visualizzazioni

Le dichiarazioni in sala stampa di coach Sandro Dell’Agnello e di coach Simone Pianigiani nel post partita di EA7 Emporio Armani Milano-Happy Casa Brindisi: 

HAPPY CASA BRINDISI
Coach Sandro Dell’Agnello: “Noi abbiamo fatto il nostro per oltre 20 minuti, con grande reattività e presenza in campo, loro però ad un certo punto del terzo quarto hanno alzato l’intensità ed in quel momento abbiamo sofferto oltre modo il loro talento e la loro fisicità. L’Olimpia è una squadra di Eurolega, sapevamo che sarebbe stato difficile competere sino in fondo con loro. E’ subentrata la sfiducia, cosa che non deve accadere, anche perchè per uno scherzo del campionato abbiamo giocato contro quattro ottime squadre, e per un club che deve salvarsi è davvero duro iniziare così il campionato. Non si tratta di scuse ma unicamente di un dato di fatto. Quando loro hanno aumentato il ritmo, migliorando il gioco in attacco e difesa, siamo andati in bambola, ed abbiamo sofferto davvero tanto. Di buono, dopo il successo casalingo sfiorato contro i campion di ‘Italia di Venezia guidando per 39 minuti, dobbiamo prendere quanto fatto oggi nel primo tempo. Il tasso tecnico visto questa sera in campo può farmi evitare ogni tipo di commento ulteriore, è chiaro che le due squadre presentano un livello di gioco differente”

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO
Coach Simone Pianigiani: “Quello che volevamo era tenere il passo e non rischiare, migliorare nel leggere le situazioni e nel giocare di squadra. Sto chiedendo molto ai giocatori dal punto di vista mentale ma è uno sforzo che ci aiuterà. Abbiamo scelto di non rischiare Bertans che era stanco e Fontecchio che aveva saltato un paio di allenamenti. Sono contento dato il contesto ma ora dobbiamo resistere perché includendo Sassari ci aspetta una settimana difficile. Noi ogni partita dobbiamo fare meglio. Cerchiamo la prima vittoria in EuroLeague ma non so quando arriverà perché nelle prossime tre restiamo largamente sfavoriti. Ma noi dobbiamo resistere e competere. Resistere e competere. Oggi ho sostituito il primo allenamento di squadra di Pascolo con una partita ma non verrà a Madrid perché deve lavorare qui. Preparare la partita in un giorno diventa più facile se alleni la stessa squadra da anni. Ma mi aspetto una squadra che sappia gestire tre piani partita differenti senza fare calcoli, giocando alla morte ogni possesso. Il Real è la squadra che ha più talento diffuso anche senza Llull, forse non hanno il peso di altre squadre ma possono fare tre o quattro magate e restare sul pezzo non sarà facile”.

Commenti

commenta

Andrea Romano
About Andrea Romano 2123 Articles
Brindisino, classe 1990. Dal 1° Dicembre 2013 cerco di raccontare al meglio tutto ciò che riguarda la New Basket Brindisi. Da Giugno 2015 inoltre collaboro con Basketnet.it. mentre da Giugno 2016 anche con SuperBasket. Dall'Aprile 2014 al Febbraio 2015 invece ho collaborato con BasketUniverso.it.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*